Come arredare la cameretta dei bambini

Come arredare la cameretta dei bambini?

Come arredare la cameretta dei bambini? Questo è il quesito che si pongono pressoché tutti i genitori prima o poi, soprattutto tenendo conto che, tra tutte le stanze della casa, la cameretta è quella che nel tempo subisce più cambiamenti. Il genitore quindi si trova a creare “il nido perfetto” per accogliere il piccolo quando nasce, ma fin da subito questo spazio è destinato a trasformarsi incessantemente per assecondare la crescita del bambino.

Come arredare la cameretta da 0 a 5/6 anni

Se ci si chiede come arredare la cameretta dei bambini per i loro primi anni di età, il mio consiglio è quello di prevedere un arredo trasformabile. A prescindere dallo standard classico che vuole per la stanza del neonato colori tenui, fasce colorate con pupazzetti e personaggi dei cartoni animati sulle pareti, ci vorrà certamente un letto piccolo con sponde retrattili, un ampio fasciatoio per i cambi, corredato -possibilmente- di enormi cassetti contenitori. La cosa migliore dunque per far fronte a queste diverse esigenze è quella di scegliere mobili trasformabili. In questo caso quando il fasciatoio non è più necessario può essere tolto, le sponde si sfilano completamente, i cassetti diventano il comodino e il letto si allunga per divenire una struttura in grado di accogliere un bambino.
Quindi come arredare la cameretta tra gli zero e i 5 anni: grande comodità d’uso per il genitore, massima flessibilità di arredo per le esigenze dei piccoli.

Dai 6 a 12 anni, il letto è un castello

Dai 6 ai 12 anni è i periodo più delicato nell’evoluzione dei bambini e la cameretta è il luogo dove si svolge tutta la loro vita. Infatti qui si gioca, si inventano storie, si vive di magia, si fanno i compiti, si invitano amici e si dorme. A questa età, nel pieno dei giochi e delle scoperte la soluzione migliore è di mettere il letto in alto, così da liberare la stanza dall’ingombro del materasso e avere ampio spazio di movimento e gioco. Chi dovrà scegliere come arredare la cameretta dai 6 ai 12 anni, vedrà che le opzioni sono moltissime, dal genere avventura stile Giovani marmotte al genere fiaba. A mio parere quale che sia il design scelto, dal più carico al più sobrio, l’importante è lasciare il posto ai giochi e inserire un letto a castello o letto a soppalco, amatissimo dai bambini soprattutto nei primi pigiama party. Lo spazio acquisito così si può trasformare in spazio di gioco, dove stare insieme, imparare a interagire con i coetanei e crearsi la prima rete sociale di amicizie.

Dopo i 12, facciamo i seri

Un’altra inversione di tendenza si avrà intorno ai 12/13 anni, quando l’adolescenza bussa alla porta e si vuole abbandonare il mondo incantato delle fiabe per entrare a piccoli passi nel “mondo dei grandi”. La cameretta, colorata e giocosa, lascerà il posto a un arredamento più sobrio e adulto nella scelta cromatica, il letto tornerà a essere basso, ma sempre con la possibilità di invitare occasionalmente amici a dormire. La scrivania diventerà più grande e si aggiungeranno librerie proporzionate alla mole di studio. Come arredare la cameretta quindi? Tenuto conto dell’esigenza di una scrivania ampia e di una libreria sempre più capiente, lo stile ormai sarà quello scelto da loro e nel quale potranno riconoscersi.

I veri protagonisti: armadio e materasso

Sul tema di come arredare la cameretta una nota a parte va fatta per uno degli elementi più importanti: l’armadio. Questo pezzo di arredo infatti “non ha età”, meglio acquistarlo da subito di buona qualità senza risparmiare, perché deve durare nel tempo, deve essere capiente, organizzato e permettere di mettere via il più possibile in modo ordinato. Quindi al contrario delle camerette, che possono essere sostituite nel tempo, l’armadio può rimanere lo stesso dall’inizio dell’arredo della camera. Il mio consiglio dunque, se si segue questa strada è scegliere una colorazione neutra, meglio il bianco, per potersi sposare esteticamente con qualsiasi trasformazione subisca la camera. Un altro elemento che considero funzionale ed essenziale è un buon materasso, essenziale per dormire al meglio. Dunque, come arredare la cameretta? Tenere conto dell’estetica va bene, ma dare la priorità alla funzionalità, soprattutto nella qualità del materasso e in quella dell’armadio: i due elementi meno transitori tra tutte le fasi della crescita.

Tirando le fila le camerette nel corso degli anni cambiano moltissimo, a seconda dell’età, delle passioni e della personalità dei giovani abitanti. Per i genitori che si trovano a dover scegliere come arredare la cameretta, il mio consiglio è di investire denaro in buon materasso e nell’armadio; usare la creatività per decorare la stanza con poco per esempio con semplici e divertenti stickers colorati che possono essere rimossi quando ci si stufa, oppure cambiare il colore delle pareti rendendola nuova. Per diversificarla e rinnovarla consiglio di giocare anche con i tappeti, la biancheria, le tende perché per cambiare la camera non serve spendere tanto. L’importante è seguire la crescita dei bambini, sostituire solo qualche pezzo per assecondare l’evoluzione e la crescita e lasciare spazio a quella che sarà la loro personalità.

Patrizia Ferrarini

Patrizia Ferrarini

Autrice: interior design, finiture d’interni e progetti at Il Design Quotidiano
La mia storia professionale abbraccia moltissimi interessi e passioni: non solo quella per l’architettura ma anche per la progettazione eco sostenibile, la scenografia teatrale e la grafica. Vorrei raccontare quello che ci vuole quando ci avviciniamo alla ristrutturazione di uno spazio quotidiano, insieme al tocco artistico che serve per dare carattere a uno spazio, in una casa come nell’allestimento di una scenografia teatrale.
Patrizia Ferrarini

Latest posts by Patrizia Ferrarini (see all)

Print this pageShare on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Facebook16Email this to someone

Potrebbero interessarti anche...