Dice di ABenergie, la soluzione smart per i consumi di casa

Dice di ABenergie

Dice di ABenergie è un dispositivo smart, che consente di monitorare costantemente i consumi di energia elettrica nella propria casa, in modo consapevole, sostenibile e soprattutto facile. Utile strumento per evitare la suspense da bolletta, il dispositivo Dice sembra rispondere a chi cerca un sistema di domotica che analizzando i nostri stili di vita e i nostri consumi, sia in grado di suggerire costantemente i metodi per risparmiare energia, aggiornandoci anche sui nostri consumi attraverso smartphone. 
La sfida è stata accettata e la missione è stata compiuta con il sistema Dice basato sull’IoT, ovvero Internet of things, ideato da ABenergie, azienda fornitrice di energia elettrica e focalizzata in particolare su sostenibilità e innovazione.

Dice di ABenergie:  il dispositivo smart e di design che parla con la luce

Se le parole “smart home” e “internet of things” vi hanno già procurato una certa ansia, non preoccupatevi: Dice di ABenergie è una soluzione “all inclusive” a prova di imbranato. Non serve il talento per l’installazione dell’appassionato di bricolage in salopette da MarioBros e non serve il (costoso) intervento dell’elettricista; non occorre nemmeno connettere il dispositivo al Wi-Fi domestico come accade per tutti gli oggetti della IoT, perché tutto quello che serve è fornito dal kit diDice di ABenergie. Troviamo quindi: la lampada che comunica i consumi attraverso i colori, un lettore dei consumi elettrici a batteria da posizionare sul contatore e un gateway, ovvero una centralina alimentata attraverso la corrente, che raccoglie i dati nel cloud e li trasmette alla lampada. Infine, c’è l’app gratuita Dice  (per iOS 11 e Android)  che abilita il cliente ABenergie ad accedere a tutta una serie di dati e informazioni sul consumo di energia elettrica e fa anche di più: monitora le nostre abitudini di consumo e può inviare utili consigli per un uso più sostenibile dell’energia elettrica, suggerendo il corretto comportamento. Naturalmente il sistema può essere usato anche da chi non è cliente ABenergie. In questo caso però, l’unica cosa che cambia è che l’utente utilizzatore non potrà vedere quanto spende, perché la variabile sarà connessa al suo piano tariffario.

Il ruolo chiave del Design nella domotica semplice di DiCE

La lampada Dice di ABenergie è il punto di raccordo chiave tra noi, gli utenti finali, e il sistema:  riproducendo i colori dello spettro visibile, ci “dice” letteralmente quanta energia elettrica stiamo consumando, se c’è un picco nei consumi, se ci troviamo nel range abituale o se invece siamo oltre la media, calcolando tutto in base alla stagionalità e alle proprie abitudini di consumo. Per esempio, se la luce della lampada è verde, significa che i consumi rientrano nella soglia media, ma quando i consumi aumentano, la luce cambia come un semaforo, fino a diventare rossa lampeggiante nel momento in cui la potenza sta per raggiungere la soglia massima. La lampada Dice di ABenergie prevede diverse funzionalità: Consumi, Atmosfera, Fun e Aurora Boreale. Inoltre, quando è impostata su “Consumi” funziona con due diverse modalità, dinamica (utilizza tutta la gamma cromatica disponibile) e statica che utilizza i tre colori del semaforo (per una maggiore immediatezza), selezionabili attraverso la sua app.

Tutta questa semplicità e immediatezza in un oggetto concepito per la IoT non sarebbe stata possibile se dietro alla tecnologia non ci fosse stato lo studio di un design estremamente funzionale dell’oggetto, che stabilisse con l’utente finale  “un rapporto di … empatia”, come suggerisce l’architetto Marco Acerbis, designer della lampada Dice, quasi come un rapporto di amicizia che deve suscitare interesse. Infatti, chi non storce un po’ la bocca o assume una smorfia a punto interrogativo quando sente nominare la Internet of Things: se infatti un oggetto cosiddetto “smart” non è semplice da usare e non è attraente per l’utente, perde ogni interesse e non verrà utilizzato mai.

Dice di ABenergie è un esempio made in Italy, funzionale, utile e ben studiato, di come oggetti di design quotidiano, come una lampada, possano essere declinati nell’Internet of Things per assolvere molteplici e più importanti funzioni, interagendo con smartphone e sistemi domestici anche complessi e fornendo servizi aggiuntivi interessanti per l’utente.

Print this pageShare on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Facebook0Email this to someone

Potrebbero interessarti anche...