IOricicloTUricicli: classicità e sperimentazione

IOricicloTUricicli Nhow

IOricicloTUricicli è il progetto green organizzato da Misuraca Sammarro in occasione della settimana milanese del design. L’evento, che si è svolto al Nhow di via Tortona 35, è giunto quest’anno alla sua settima edizione e ha chiamato a raccolta il mondo dei designer sul tema #designornotdesign.

IOricicloTUricicli Ecodesign

IOricicloTUricicli: voce green

Il progetto IOricicloTUricicli è nato per dare spazio e visibilità ai nuovi talenti del panorama del design italiano che si occupano di produzione “green che significa soprattutto lavorare con materiali di recupero, eco sostenibili o ecologici. Questo DNA è stato particolarmente evidente nell’edizione di quest’anno, dove sono stati selezionati -tra gli altri-, lavori realizzati a partire da pezzi di recupero industriale o elaborati complementi d’arredo in cartone.

Classicità e sperimentazione

Tuttavia nell’edizione di quest’anno, nonostante le tante voci che hanno interpretato il tema #designornotdesign, le risposte sembrano essere state due: classicità contro sperimentazione. La classicità è in diverse delle proposte selezionate, per esempio negli arredi dai tagli contemporanei della collezione Ecodesign di Lessmore disegnata da Giorgio Caporaso, realizzati principalmente con cartone ma anche con l’impiego di vetro e licheni, o nello stile semplice e vintage della collezione Vessel di Fabrizio Alborno e dalla designer Ginevra Grilz che hanno esposto la chaise longue e la cassettiera dalle linee rigorose e dallo spirito moderno. Classica, infine, anche anche la bicicletta progettata e realizzata a mano da Gianni Speciale.

La sperimentazione, invece, emerge in altre proposte, principalmente quelle di Stefano Notargiacomo che elabora pezzi ultra personali partendo da scarti meccanici e dando vita a creazioni dal sapore postindustriale o anche nelle realizzazioni di Angoloacuto, mix tra originalità e invenzione, come la sua bella e versatile Frida, un po’ libreria, un po’ fioriera.

Alfabeto del riciclo

E il bello dell’iniziativa è proprio questo, lanciare un tema e dare voce a risposte diverse, espresse però nell’ alfabeto verde del riciclo, del riutilizzo, della sostenibilità ambientale. Uno scorcio di design, anche diverso e disomogeneo, che però fa riflettere, discutere o innamorare.

Print this pageShare on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Facebook37Email this to someone

Potrebbero interessarti anche...