Meccano Home, l’arredo è un gioco

Meccano Home l’arredo è un gioco

Meccano-Home-Sedia-in-fase-di-costruzione

Con Meccano Home l’arredo è un gioco da ragazzi. Per chi è cresciuto negli anni settanta -ma anche prima- e ha creato costruzioni più o meno visionarie partendo dai bulloni e dai pezzi basici del Meccano, quelli di ferro forati e leggermente grezzi, questo sarà veramente puro divertimento, anche se qui la personalizzazione ha dei grossi limiti.

Creatività imbrigliata

Il catalogo di Meccano Home mette a disposizione svariate composizioni per ottenere dai tavoli alle sedie, dagli scaffali alle lampade fino ad arrivare a dei sottili guardaroba. Si commette un errore, però, se si immagina Meccano Home come una scatola Meccano formato gigante da cui creare da zero i mobili della propria immaginazione. I moduli permettono la costruzione dei singoli componenti d’arredo con possibilità di personalizzazione limitate se non si è disposti a pagare molto. Per esempio se per una scrivania si può spendere sui 500 euro, la stessa soluzione con l’aggiunta di uno scaffale e di un pannello verticale costa quasi il doppio.

Design giocoso

I colori dei complementi d’arredo di Meccano Home sono vivaci, le forme sono fedeli ai pezzi del gioco da cui prendono origine, il risultato è divertente, fresco e a un primo sguardo stupisce. Ci si sente alla fine un po’ come quel Playmobil che interagiva con la costruzione di Meccano quando era il momento di giocare.

Per chi: 

  • Ha giocato con Meccano e adesso vuole giocare con l’arredamento
  • Vuole sdrammatizzare un ufficio serio
  • Ama il bricolage

Potrebbero interessarti anche...